Calcolare il valore di un immobile in 3 semplici passaggi

Nel caso in cui si voglia vendere il proprio immobile è importante valutarne il suo valore. Questo è un aspetto fondamentale da non sottovalutare e che richiede determinati requisiti. Scopriamo come fare in questo articolo.

Durante la compravendita di un immobile, il primo passo da effettuare è capirne il suo valore. Quest’ultimo è dato da diversi aspetti che influiscono sul prezzo finale.

Il calo del valore di un immobile è un processo che richiede del tempo e quindi non può essere immediato e non è mai semplice, per questo è sempre opportuno rivolgersi a degli esperti nel settore che calcoleranno in maniera precisa e con gli strumenti adatti il valore immobiliare di una casa ma non solo, anche tutto quello che riguarda il valore di edifici, terreni, appartamenti o immobili di qualsiasi genere.

Tutto questo avverrà tramite dei tool adatti e grazie alle competenze di professionisti che lavorano in questo settore.

Ma passiamo adesso a 3 semplici passaggi che consentono di capire a quanto ammonta il valore del proprio immobile.

Calcolare ed individuare il valore di mercato

Quando parliamo del valore di mercato, ci riferiamo alla rappresentazione del prezzo con cui deve posizionarsi ed essere venduto sul mercato libero. È importante precisare che il valore di mercato è diverso dal valore catastale che invece tiene in considerazione le caratteristiche tecniche ed economiche dell’immobile.

La stima del valore deve essere corretta ed adeguata, in caso contrario si potranno riscontrare problemi nel vendere l’immobile, ad esempio a causa di un prezzo troppo alto non ritenuto idoneo, in caso di prezzo troppo basso invece si rischia di vendere il bene in maniera sbrigativa ma svalutandolo.

Il calcolo del valore di mercato si effettua moltiplicando la superficie commerciale dell’immobile, per capirne la quotazione al metro quadro e specificare i coefficienti di merito. Ricordiamo che tutto questo sarà svolto in maniera precisa e ottimale da esperti e professionisti del settore.

Calcolare la superficie

La superficie dell’immobile corrisponde ad un elemento molto importante per definirne il valore, ma come si calcola? Intanto è fondamentale precisare che per superfici s’intendono tutti gli spazi ovvero: le superfici coperte, le superfici ponderate e le percentuali delle superfici delle pertinenze.

Per quanto riguarda le superfici calpestabili coperte le distinguiamo in: mura perimetrali, mansarda, soppalchi, verande, taverne e seminterrati abitabili. Le superfici scoperte o ponderate sono invece: attici, balconi, cortili e giardini, box auto, garage e portici.

Individuare i coefficienti di merito

Per finire abbiamo i coefficienti di merito, che sono molto importanti in quanto possono aumentare o diminuire il valore dell’immobile.

La prima tipologia di coefficienti è ricollegabile al piano, quindi se l’abitazione è collocata al piano terra, o al primo, secondo, terzo piano e così via, influirà in modo differente sulla quotazione.

In secondo luogo sono presenti le condizioni dell’immobile ovvero il suo stato e l’età, quindi è importante capire se quest’ultimo necessita di ristrutturazioni o interventi importanti di manutenzione, oppure si presenta in ottime condizioni.

Altri aspetti sono la presenza d’impianti di riscaldamento, l’esposizione alla luce solare e la posizione in cui è collocato (città, periferia, zona centrale ecc..).

No Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.