Calcio, Inter:  perchè Simone Inzaghi sostituisce sempre chi viene ammonito?

Al mister dell’Inter Simone Inzaghi non piacciono le ammonizioni, ma perchè l’allenatore sostituisce sempre quei calciatori che vengono ammoniti? Vediamo insieme la vera  motivazione qual è. Tutte questi aggiornamenti, si possono seguire su https://1bet.eu.com dove troverai tutte le informazioni necessarie per avere pronostici, quote, le ultime novità sulle competizioni sportive, promozioni e bonus.

Le strategie di Simone Inzaghi sui cambi dei calciatori ammoniti

Probabilmente il mister non si fida a lasciarli in campo troppo a lungo dopo l’ammonizione, ma cerchiamo di capire quali sono le vere ragioni di questa mossa di Simone Inzaghi, ma c cambiare spesso un calciatore ammonito a qualcosa servirà. Prendiamo l’esempio dell’ultima partita Inter-Udinese, dove l’allenatore ha sostituito Alessandro Bastoni ed Henrix Mkhitaryan già sul primo tempo. Per via dei cambi, ricordiamo inoltre che Simone Inzaghi è stato anche molto criticato dal gruppo della squadra, non solo, anche i tifosi stessi se la prendono con il mister per questi cambi dei giocatori ammoniti. E infatti questo è il punto, sembra che Simone Inzaghi, li sostituisce per evitare un cartellino rosso. Come si può ridurre il consumo del gas e luce e vivere in modo green? In questo articolo, puoi trovare tutti i consigli riguardo ai consumi degli elettrodomestici, luci e tanti altri piccoli accorgimenti.

Nella partita Inter-Udinese

Nella partita contro l’Udinese le cose in campo, non si sono messe molto bene, difatti si è resa una sfida difficile per l’Inter. Così, alla prima occasione, oltre che aver effettuato i cambi di Alessandro Bastoni e Henrix Mkhitaryan, il mister  Simone Inzaghi ha anche tolto dal campo di gioco Matteo Darmian dopo che il calciatore ha beccato il cartellino giallo. Quindi 3 cambi su 5 per ammonizioni ricevute dai giocatori, anche se Marcelo Brozovic è rimasto in campo essendo nella stessa situazione quando invece poteva sostituirlo Kristjan Asllani. Sicuramente queste mosse di Simone Inzaghi hanno uno scopo che comunque nell’Inter però non funziona sempre come il mister vorrebbe.

I cartellini e le ammonizioni dell’Inter

Tuttavia se andiamo un pò indietro nel tempo, l’Inter, risulta essere la seconda squadra ammonita in Serie A, quella che ha ricevuto 71 cartellini gialli, ma anche l’unica a non subire delle doppie ammonizioni o espulsioni dirette che comunque in questo campionato è risultata solo con appena 10 ammonizioni. Ma ciò non vuol dire avere o non dei punti, anzi, questo porta l’Inter a dover rinunciare anche ai calciatori importanti che possono giocare nelle partite più impegnative.Quindi questa mossa di Simone Inzaghi un pò influisce sui suoi giocatori soprattutto su quelli che vengono spesso sostituiti. Difatti, Simone Inzaghi risulta inoltre aver effettuato circa ben 221 sostituzioni nel corso di 45 partite dove stranamente solo per tre volte, Simone Inzaghi, sembra non aver fatto appunto questi cinque cambi che di solito approfitta fare.

La strategia di Simone Inzaghi nelle altre partite

Anche nella partita contro il Lecce le ammonizioni erano due e quindi due sostituzioni sia per Marcelo Brozovic che Matteo Darmian per aver ricevuto un cartellino giallo dall’arbitro.  Nella partita Inter-Roma, invece, vengono ammoniti quattro calciatori ma dopo il cartellino giallo, solo Kristjian Asllani va in panchina, ma qui la strategia di Simone non c’è, perchè Joaquin Correa, Robin Gosens e Nicolò Barella, rimediano l’ammonizione per essere entrati in campo da gioco dopo aver esaurito le sostituzioni secondo il regolamento. Dunque, facendo due conti, sono 8 sostituzioni per 16 ammoniti, dove Simone Inzaghi sconta quei 4 cartellini gialli di Marcelo Brozovic e gli altri  2 cambi effettuati nella sfida contro i giallorossi. Delle mosse che il mister si studia bene ma che nello stesso tempo però non può sempre funzionare, per questo si ritrova qualcuno del gruppo contrario oltre che ai tifosi nerazzurri, ma bisogna vedere cosa farà ancora Simone Inzaghi nelle prossime partite soprattutto per capire se è questa la sua strategia!

No Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *