www.parcocapanne.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Oggi nel Parco Marzuolo, pregiato fungo primaverile

Marzuolo, pregiato fungo primaverile

E-mail Stampa PDF



Hygrophorus marzuolus (Fr.:Fr.) Bres., in italiano Marzuolo o Dormiente, è un fungo del tardo inverno / inizio primavera, molto apprezzato per le sue carni. Fino ad oggi non era noto per il Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo ed è grazie ad una Guardia Ecologica Provinciale che ha partecipato all'escursione micologica del 14 ottobre scorso, che siamo venuti a conoscenza della sua presenza all'interno dell'Area Protetta.
Il Marzuolo è parente stretto dell'Agarico vinato o Giandulin (Hygrophorus russula (Pers.) Wünsche), di cui già abbiamo parlato a proposito dell'escursione micologica citata (per leggere l'articolo cliccare qui).
Le due specie però fruttificano in momenti diversi dell'anno, senza possibilità d'incontrarli nello stesso periodo: il Marzuolo nei primi mesi dell'anno; il Giandulin a fine autunno.
Come si può riconoscere da altre specie?


Per prima cosa bisogna osservare la parte inferiore del cappello: deve essere a lamelle con carne filamentosa. Le lamelle sono leggermente decorrenti lungo il gambo, spesse e spaziate tra loro; dapprima di colore biancastro poi, con l'invecchiamento grige e poi ancora nerastre.
Le spore sono chiare, mai rosa, ocra o comunque di colore scuro.
Il periodo di comparsa dei corpi fruttiferi è sempre successivo all'inverno, in caso di comparsa autunnale potrebbe trattarsi di un fungo molto simile, Hygrophorus camarophyllus (Alb. et Schwein: Fr.) Dumée et Coll., peraltro non segnalato nel Parco.
Altri funghi con cui potrebbe essere confuso, tutti autunnali e non segnalati per l'area sono: Hygrophorus pustulatus (Pers.:Fr.) Fr. e Hygrophorus agathosmus (Fr.) Fr.
In realtà le caratteristiche generali del Marzuolo, associate al periodo particolare dell'anno e all'ambiente di crescita ne rendono la confusione con altre specie molto improbabile.
Inviatiamo però, come regola generale, a chiedere sempre conferma delle determinazioni fatte - soprattutto a fini alimentari - a micologi esperti.



La foto sotto ritrae l'habitat in cui è stato ritrovato il Marzuolo a Capanne di Marcarolo. In primo piano, nell'angolo in basso a destra si vede l'esemplare ritratto più in dettaglio nelle altre foto di quest'articolo.



Ricordiamo che la ricerca e la raccolta dei funghi, nel Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo, come in tutto il territorio della Regione Piemonte è possibile a tutti, purché muniti di apposita autorizzazione annuale dal costo di € 46,00 (30€ di autorizzazione regionale e 16€ di marca da bollo).
L'autorizzazione ha valore dal giorno del pagamento sino al 31 dicembre.
Ricordiamo che dal 1 aprile 2013 le sanzioni  per le violazioni amministrative in materia di raccolta funghi sono aumentate: chi volesse conoscerle nel dettaglio potrà scaricare il prontuario regionale.




Per rileggere gli articoli precedenti cliccate qui.

Ultimo aggiornamento Giovedì 24 Ottobre 2013 09:22